Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca Via Coniolo

1.000 litri di veleno nel terreno: "Sostanza tossica e cancerogena"

Allarme ambientale a Coniolo di Orzinuovi, negli spazi dell'ex azienda Officine Meccaniche Olivari: nel terreno sarebbero stati sversati fino a 1000 litri di stirene, idrocarburo tossico e cancerogeno

Foto d'archivio

Fino a 1000 litri di sostanze tossiche sversate nei campi di Coniolo. E il sindaco di Orzinuovi Andrea Ratti che è già corso ai ripari, vietando l'utilizzo di tutti i pozzi irrigui dell'area di Via Martin Luther King, dove si trovano le abitazioni più vicine al luogo del “disastro”. Anche se, spiegano primo cittadino e tecnici, non vi sarebbe pericolo per la popolazione. Tutto è successo negli spazi esterni dell'ex Officine Meccaniche Olivari.

A scatenare il “caos” probabilmente una manovra sbagliata di un muletto, che ha così travolto e ribaltato una cisterna contenente stirene, idrocarburo “aromatico” noto anche come stirolo, feniletilene o vinilbenzene. A temperatura ambiente è un liquido oleoso trasparente, dal caratteristico odore dolciastro: è tossico e infiammabile.

La sua esposizione ad alte concentrazioni causa irritazione alle mucose, occhi e naso, ma anche cefalea, vertigini, sonnolenza, tosse. A lungo andare è considerato cancerogeno. Le operazioni di bonifica proseguono: a Coniolo ne sarebbero stati sversati circa un migliaio di litri.

L'allarme è stato lanciato dai residenti, “travolti” dal forte odore dello stirene versato. Il problema si ripete: gli abitanti di zona già più di 10 anni fa, quando ancora l'azienda “funzionava”, si lamentavano del forte odore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

1.000 litri di veleno nel terreno: "Sostanza tossica e cancerogena"

BresciaToday è in caricamento