Fatture false: sequestri per 35 milioni di euro, condanne per 28 anni

Prime sentenze nell'ambito del maxi-processo che a Brescia coinvolge più di 30 imputati: rito abbreviato per 10 persone, condanne per 28 anni

Foto d'archivio

Sono arrivate le prime condanne relative all'operazione “Leonessa”, la maxi-inchiesta di Guardia di Finanza e Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, che dalla provincia di Brescia e dalla Lombardia aveva portato all'esecuzione di 69 misure cautelari (con alcuni arresti eccellenti, dal Nord alla Sicilia) e oltre 200 indagati. Le accuse, a vario titolo, andavano dall'associazione mafiosa (con il coinvolgimento delle cosche) all'emissione di false fatture, e poi corruzione, indebite compensazioni e altro ancora. Nel settembre scorso sono stati posti sotto sequestro beni per oltre 35 milioni di euro.

Più di 30 gli imputati a processo

Degli oltre 30 imputati che sono finiti a processo a Brescia, in uno dei filoni dell'indagine, per 10 di loro – quelli che hanno scelto il rito abbreviato – sono state emesse le sentenze di primo grado: per gli altri l'udienza è fissata a partire dalla prossima settimana. E' stato condannato a 6 anni e 8 mesi Davide Janos Trombetta, considerato il “capo” dell'organizzazione che “stampava” milioni di euro di false fatture, spediva i soldi in nero all'estero (in Repubblica Ceca) e poi li faceva rientrare, anche in contanti, in Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i vari faccendieri e imprenditori coinvolti nell'operazione si segnalano le condanne a 3 anni e 6 mesi per Giuseppe Alberti e Giuseppe Dotti, 3 anni a Luigi Salvatore, 2 anni e 8 mesi per Gianluca Chiodi, 2 anni e 4 mesi per Mirko Cordioli, 2 anni e 2 mesi per Cristina Fanciulli (la segretaria di Trombetta), 1 anno e 10 mesi per Roberto Lingua, 1 anno e 8 mesi per Mauro Serafin.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

  • Shampoo e docciaschiuma, fa il bagno nella fontana della piazza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento