Strage di Ono San Pietro: Iacovone condannato per stalking

Pasquale Iacovone, l'uomo accusato di aver ucciso bruciando vivi i suoi figli, di 9 e 12 anni, ha patteggiato una condanna di due anni e quattro mesi per l'accusa di stalking, nei confronti della moglie Erica Patti

Pasquale Iacovone

Alle accuse già pesantissime che lo accompagnano se ne è aggiunta un’altra: Pasquale Iacovone, l’uomo residente a Ono San Pietro e che sarebbe accusato di aver ucciso i due figli nell’incendio che scosse una provincia intera, nel luglio scorso, ha patteggiato una pena di due anni e quattro mesi per stalking, nei confronti della moglie Erica Patti.

Mesi e mesi di minacce e veri e propri atti intesi alla persecuzione, e una condanna che a questo punto pareva inevitabile. Il presunto omicida, dopo alcuni mesi di cura in ospedale, è attualmente rinchiuso in carcere, in attesa dell’avvio del processo per doppio omicidio previsto per i primi di luglio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La moglie chiede ancora giustizia, travolta la scorsa estate da una tragedia per una madre inimmaginabile: la morte dei due figli piccoli, di 9 e 12 anni, morti carbonizzati nell’incendio forse provocato dallo stesso Iacovone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento