Trovata morta in casa: "E' stata strangolata", la Procura indaga per omicidio

L'ipotesi di una morte sospetta ha trovato conferma negli esiti dell'autopsia: l'87enne Diva Borin di Urago Mella non è morta per cause naturali, ma è stata strangolata

Foto d'archivio

E' un giallo che inquieta non poco, e tutto il quartiere: un'anziana donna bresciana sarebbe stata uccisa nel suo appartamento, al piano terra di un condominio di Urago Mella. Si chiamava Diva Borin, 87 anni: vedova e senza figli, l'unico è scomparso quasi 30 anni fa a seguito di un incidente stradale, è stata trovata morta sabato mattina dal badante che negli ultimi mesi si occupava di lei. Alcune circostanze non chiare hanno convinto il procuratore Antonio Bassolino, che coordina le indagini, a disporre l'autopsia. E dall'esame autoptico sarebbe emerso che la donna è stata strangolata.

Indagini per omicidio

Lo confermerebbero gli inequivocabili segni riscontrati sul collo. La Procura dunque indaga per omicidio. Il fascicolo per ora è aperto contro ignoti, dunque nessun sospettato: ma nelle prossime ore sono attesi numerosi interrogatori, nei confronti di tutti coloro che in qualche modo avevano a che fare con lei.

Nell'elenco ci sarebbero gli amici, badanti di ieri e di oggi, l'unico nipote della donna. Sono attesi ulteriori sviluppi in tempi brevi. Sulla dinamica dell'accaduto sembrava non ci fossero dubbi. A prima vista, una morte naturale.

Il drammatico ritrovamento

L'allarme è stato lanciato sabato mattina, appunto dal badante che per primo quel giorno ha raggiunto casa. La donna era riversa a terra, priva di sensi. L'ambulanza è uscita in codice rosso, insieme all'automedica: Diva Borin è stata rianimata a lungo, ma senza successo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prima relazione medico-legale deve aver comunque instillato qualche dubbio negli inquirenti. Che difatti hanno proseguito allargando il campo delle indagini, considerando la morte di Borin come una morte “sospetta”. E così è stato: le evidenze emerse a margine dell'autopsia, appunto, porterebbero all'ipotesi di un omicidio per strangolamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento