Omicidio-suicidio a Ostiglia: getta la madre nel canale e si uccide

Dramma nel Mantovano: un uomo di 63 anni si è tolto la vita lanciandosi dalla scale di un centro commerciale dopo aver ucciso la madre 89enne

Ostiglia

E' andato alla casa di riposo dove la madre era ospite da qualche anno, l'ha prelevata e portata in riva ad un canale, a pochi chilometri da Ostiglia, nel mantovano, dove entrambi risiedevano. Qui l'ha gettata in acqua e poi se n'é andato per farla finita lui stesso.

Ormai è certo che dietro alla morte di Iris Merli, 89 anni e del figlio Mario Foin (e non Foina come sembrava in un primo tempo) vi sia un omicidio suicido dettato, pare, dalle condizioni di forte depressione in cui viveva l'uomo, sposato e con due figli.

Tutto è cominciato questa mattina presto quando Foin è uscito di casa presto dicendo che sarebbe andato alla casa di riposo di Torriana, che dista una decina di chilometri da Ostiglia, per prendere l'anziana madre, ospite da qualche anno, e portarla a casa. Insieme si sono avviati in auto verso una zona di campagna di Ostiglia denominata Le Calandre, dove scorre il canale artificiale Canalbianco, la via d'acqua che dai laghi di Mantova conduce fino al mare Adriatico. Si sono avvicinati alla riva e l'uomo ha spinto la madre in acqua.

Dopo aver compiuto il delitto è rientrato ad Ostiglia e ha raggiunto il centro commerciale 'La Ciminiera' dove, poco dopo le 10, si è suicidato gettandosi da una scala interna, di fronte alle tante persone che a quell'ora affollavano la struttura. Nella tarda mattinata, non vedendo tornare a casa il marito con la suocera, la moglie si è insospettita e ha dato l'allarme ai carabinieri.

Subito sono iniziate le ricerche in tutta la zona compresa tra Torriana e Ostiglia, fino a quando nel pomeriggio due pescatori hanno avvistato un corpo che galleggiava nell'acqua e hanno dato l'allarme. Recuperato dai vigili del fuoco, subito il corpo era stato identificato per quello di Iris Merli. I carabinieri hanno immediatamente associato il suicidio del figlio all'omicidio della madre.

Sembra che l'uomo avesse in tasca un biglietto vergato di suo pugno in cui spiegava i motivi del suo gesto, ma gli investigatori non hanno confermato la circostanza. I motivi dell'omicidio-suicidio non sono chiari ma sembra che le radici del tragico gesto affondino nello stato di depressione che da qualche tempo affliggeva l'uomo, molto conosciuto ad Ostiglia, dove aveva lavorato per dieci anni nelle piscine comunali del grosso Comune del Destra Secchia ed era andato in pensione nove anni fa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Nel Bresciano 35 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

  • Brescia: è morto il papà di Francesco Renga, aveva 91 anni

  • Covid, nuova ordinanza della Regione per locali, sport, Rsa e scuole: cosa cambia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento