Omicidio al Copacabana: fermato ragazzo di 25 anni

Il presunto assassino sarebbe stato riconosciuto da alcuni testimoni

Svolta nelle indagini per l'omicidio di Roberto Ljatifi, ucciso a coltellate al Copacabana di Roncadelle nella notte tra lunedì e martedì, a seguito di un'assurda lite per una canzone da far suonare in sala.

I carabinieri di Brescia hanno fermato un nomade romeno di 25 anni, che sarebbe già stato riconosciuto da alcuni testimoni. E' proprio grazie a numerose testimonianze incrociate che i militari sono riusciti a risalire al gruppo di persone cui faceva riferimento anche il presunto assassino. Il cerchio si è poi rapidamente stretto intorno al ragazzo, fino al fermo di venerdì mattina.

Giovedì pomeriggio sono stati invece celebrati i funerali di Ljatifi, che - a soli trent'anni - lascia la moglie e cinque figli, di casa alla torre Cimabue di San Polo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

Torna su
BresciaToday è in caricamento