rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca Sirmione

Massacrata a mani nude dal figlio: si attende l'autopsia sulla povera Nerina

Verrà sottoposta ad autopsia, dopo l'omicidio

Dopo l'interrogatorio di convalida (a scena muta) per Ruben Andreoli, il 45enne di Sirmione accusato dell'omicidio della madre Nerina Fontana, 72 anni, le indagini proseguono: la Procura ha infatti disposto l'autopsia sul corpo della donna. Sarebbe stata uccisa a mani nude dal figlio, al termine di una furibonda lite: all'origine del litigio – forse l'ennesimo di questi ultimi tempi – ci sarebbero stati screzi e ruggini relativi alla volontà del figlio di lasciare l'Italia e il lavoro e trasferirsi in Ucraina con la moglie, S.P. le iniziali di quest'ultima.

Il brutale omicidio

Tutti e tre abitavano insieme in un grande appartamento al primo piano di una palazzina al civico 16 di Via XXIV Maggio a Colombare di Sirmione, quartiere Todeschino. Venerdì scorso i vicini di casa hanno allertato il 112 dopo aver assistito alla brutale scena che diventerà poi un omicidio: la donna aggredita e picchiata dal figlio, esanime a terra sul balcone, in un bagno di sangue. Soccorsa e trasferita d'urgenza in Poliambulanza, qui è spirata solo poche ore più tardi.

Il figlio è stato subito arrestato, con l'accusa di omicidio: le indagini sono affidate ai carabinieri di Sirmione e Desenzano e coordinate dal pm Ettore Tisato. Non risulta coinvolta nella vicenda la moglie di Andreoli, unico accusato per l'omicidio della madre: si cerca ora di ricostruite nei minimi dettagli anche la tragica morte di Nerina Fontana, per completare il quadro accusatorio. Anche a questo servirà l'autopsia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massacrata a mani nude dal figlio: si attende l'autopsia sulla povera Nerina

BresciaToday è in caricamento