Cronaca

Omicidio Peroni: l'indagine si concentra sull'ambiente di lavoro

In particolare gli accertamenti si sono concentrati su una pistola sequestrata nell'immediatezza del delitto, a un familiare di uno dei 5 colleghi sottoposti a Stub: una calibro 357 che sarebbe risultata compatibile con il proiettile sparato a Peroni

Dai Ris di Parma arrivano i primi riscontri delle analisi sui reperti relativi all'omicidio di Michele Peroni, l'operaio di 27 anni di Ghedi, freddato con un colpo di pistola il 12 agosto scorso, tra le due e le quattro del mattino, nel cementificio Fassa Bortolo di Montichiari.

VISITA DEI GENITORI IN CARCERE. VISANI: "CONFESSANDO MI SON TOLTO UN PESO"
POSSIBILI CAUSE SCATENANTI L'ASSASSINO REO-CONFESSO VISANI
L'ASSASSINO SIMONE VISANI HA CONFESSATO
DOPO GLI STUB, SILENZIO DEGLI INQUIRENTI: SI ATTENDE L'ANALISI RIS SULLA PISTOLA
RIS DI PARMA: NEGATIVI 2 DEI 5 STUB


In particolare gli accertamenti si sono concentrati su una pistola che sarebbe stata sequestrata nell'immediatezza del delitto, a un familiare di uno dei cinque colleghi sottoposti a Stub: una 357, calibro che sarebbe risultato compatibile con quello del proiettile sparato a Peroni.

Analisi sono in corso anche sulle tracce ematiche rilevate sul luogo del delitto e degli spogliatoi della fabbrica, il proiettile che ha ucciso il giovane, i suoi vestiti. Peroni è stato ucciso durante il turno di notte in fabbrica. Nel cementificio erano in due e a trovarlo era stato l' altro collega, con il quale avrebbe dovuto incrociarsi ogni 20 minuti per il controllo dei forni. Dopo due ore senza vederlo l'altro operaio è andato a cercarlo e l'ha trovato morto.

LEGGI I RISULTATI DELL'AUTOPSIA
IL FUNERALE DI MICHELE
LA RICOSTRUZIONE DELL'OMICIDIO

(ANSA)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Peroni: l'indagine si concentra sull'ambiente di lavoro

BresciaToday è in caricamento