Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Urago Mella / Via Marino Ballini

L'assassino le ha messo le mani sulla bocca, poi l'ha strangolata con un foulard

Le ultime evidenze emergono dai risultati dell'autopsia: la signora Diva Borin di Urago Mella potrebbe essere stata uccisa con un foulard stretto al collo

Al civico 6 di Via Ballini a Urago in questi giorni c'è un viavai costante: ci sono i giornalisti, le telecamere, le forze dell'ordine, i vicini curiosi, gli amici di Diva Borin che sono passati a farle un simbolico omaggio. L'appartamento è ancora sigillato, vietato agli estranei che non siano poliziotti o inquirenti. Posto sotto sequestro fin dal momento del ritrovamento della donna di 86 anni, trovata senza vita sulla poltrona vicino alla porta, probabilmente strangolata con un foulard o una sciarpa.

La ricostruzione dell'omicidio

Prima le mani strette al collo, per strangolarla, poi sulla bocca e sul naso per non farla respirare. Solo in seguito l'assassino l'avrebbe strangolata usando un foulard. Sono queste le ulteriori evidenze emerse nelle ultime ore a margine dei risultati dell'autopsia: l'esame autoptico, richiesto dal procuratore Antonio Bassolino, è stata conseguenza inevitabile delle prime indicazioni raccolte sul posto dagli accertamenti medico-legali. Sul corpo della donna c'erano dei segni sospetti, che fin da subito hanno fatto dubitare della morte naturale.

Procura e Polizia indagano sull'ipotesi di un omicidio. Sono già state sentite le persone vicine alla donna, in questi mesi. Tra loro anche l'amico Salvatore, dipendente di un supermercato e che dava una mano alla signora, considerato una sorta di badante tuttofare. E' stato lui ad accorgersi per primo della morte di Diva Borin.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assassino le ha messo le mani sulla bocca, poi l'ha strangolata con un foulard

BresciaToday è in caricamento