Moglie massacrata con 30 coltellate: condannato all'ergastolo, ha sempre negato tutto

La condanna è definitiva dopo la sentenza in Cassazione: Alessandro Musini è stato condannato all'ergastolo, accusato dell'omicidio della moglie Anna Mura

Terzo e ultimo grado di giudizio, condanna definitiva: la Corte di Cassazione ha confermato l'ergastolo per Alessandro Musini, l'ex operaio oggi 50enne (e detenuto in carcere a Cagliari) accusato di aver brutalmente ucciso la moglie Anna Mura nella sua camera da letto, nell'abitazione di Via Matteotti a Castenedolo.

L'omicidio

Era il 16 marzo del 2015, poco meno di quattro anni fa: secondo la ricostruzione più credibile sarebbe stato il figlio all'epoca 15enne a ritrovare la madre senza vita, in un bagno di sangue nel suo letto. L'omicidio si sarebbe compiuto a pochi metri da dove riposava il ragazzo, senza che lui si accorgesse di nulla.

Il marito Musini venne rintracciato e arrestato dopo circa 24 ore di latitanza. A fronte delle evidenze, l'uomo ha sempre negato ogni responsabilità: ma sono diametralmente opposte le conclusioni raggiunte al termine del percorso giudiziario. In cui appunto gli è stato confermato l'ergastolo.

Il processo

In carcere a vita per l'omicidio della moglie: l'uomo venne fin da subito considerato il principale indiziato. Poi incastrato da alcune tracce giudicate inequivocabili, come le macchie di sangue rinvenute sui vestiti che aveva addosso al momento dell'arresto, e sui sedili della sua auto. 

Una vicenda che ancora oggi fa discutere, e che aveva lasciato sotto shock l'intera comunità di Castenedolo. Il raptus del marito violento si sarebbe scatenato a seguito di alcuni mesi difficili, in ambito familiare. La storia tra i due sembrava ormai volgere al termine: si dice che la donna proprio in quei giorni avesse organizzato i primi appuntamenti per avviare una pratica di separazione. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di Altea
    Altea

    La domanda che sorge spontanea. perchè non è cosi' per tutti?. Questa è giustizia.  Le condanne dovrebbero essere decise da robot senza sentimenti. Altro che attenuanti. Il resto che ne  esce impunito o quasi invece?  

  • Sarà assolto in cassazione per grave turbamento al momento del delitto (o subito dopo).

    • Scrivi senza leggere? Ma quale sarà assolto in cassazione? Questa condanna é definitiva proprio perché é la cassazione in terzo grado a condannarlo. Per cui fine pena mai! Ed avendo oltre 50 anni, di galera nè uscirà solo per andare al camposanto.

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Elezioni Comunali 2019: diretta spoglio e chi ha vinto nei Comuni bresciani

  • Incidenti stradali

    Tragico schianto sulla Provinciale: ragazzo di 27 anni muore in scooter

  • Sport

    Il Gavia è solo per i più intrepidi: ciclisti avvolti dal canyon di neve

  • Cronaca

    Morso da una vipera, il cellulare non funziona: panico durante la gita con la moglie

I più letti della settimana

  • Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • Stroncata dalla malattia, muore madre di famiglia: il dolore di figli e marito

  • Grandine e nubifragi nel Bresciano: strade allagate, traffico nel caos

  • Schianto in galleria: feriti estratti dalle lamiere, strada chiusa

  • "Ucciso dai nipoti e messo in un sacco per far sparire il cadavere"

  • Ragazze portate d'urgenza al pronto soccorso, intanto il medico abusava di loro

Torna su
BresciaToday è in caricamento