Omicidio di Angolo Terme, arrestato 25enne: una follia di amore e droga

Passano le ore e si fanno sempre più chiari i contorni dell'assassinio del giovane 33enne Claudio Inversini, ucciso - secondo l'accusa - dall'ex della sua fidanzata, accecato da una rabbia omicida causata da gelosia e droga

fonte: Teletutto

Una serata a vagare da un locale all'altro, forse anche bevendo troppo. Con un pensiero fisso in testa, lei che lo aveva lasciato e frequentava un altro. Poi la decisione di aspettarli sotto casa al loro rientro.

Un litigio, qualche insulto, magari anche l'effetto dell'alcol e forse della droga. Gli ha sparato un solo colpo in faccia, davanti alla sua ex. Non restano molti dubbi sul dramma della scorsa notte a Angolo Terme, piccolo comune della Valcamonica dove un giovane di 33 anni, Claudio Inversini, è morto ucciso con un colpo di pistola, mentre tornava casa con la fidanzata, una bella ragazza, poco più che maggiorenne, che lavora in un night della zona.

- Omicidio Angolo Terme, il 25enne arrestato: «Non ricordo quanto accaduto»


I carabinieri hanno fermato quasi subito l'ex della giovane, Antonio Franzini, 25 anni, e un suo amico di 33, Sergio Bianchini, che sembrerebbe comunque coinvolto solo in parte nell'omicidio. Conosceva Franzini da poco più di un mese e ieri avevano trascorso la serata con lui senza intuire cosa l'amico avesse in testa.

I giovani coinvolti risiedono tutti nella zona. Sono le 2 di notte quando i due amici arrivano a bordo di una Seat Ibiza nella frazione Mazzunno, di Angolo Terme, dove abita Inversini. Passano pochi minuti e nella piazzetta entra anche la vettura con a bordo la ragazza, Claudio e un cugino.

A questo punto le versioni contrastano un po', ma sugli elementi fondamentali non sembrano esserci dubbi. La ragazza e il cugino scendono dalla vettura, forse Inversini deve parcheggiare più avanti e quindi si trova solo con il rivale e il suo amico.

Qualcuno racconta di aver sentito delle urla, un litigio. Poi lo sparo. Corre la ragazza, che grida disperata chiedendo aiuto, si affaccino i vicini, scendono per strada i familiari del 33/enne. Inversini è agonizzante, muore appena trasportato all'ospedale. Franzini e l'amico scappano a piedi.

Pare che i familiari infuriati prendono a calci e martellate la vettura rimasta sul posto. I carabinieri acciuffano poco dopo i due giovani. La pistola invece non si trova. Franzini e Bianchini, così raccontano poi gli inquirenti, sono talmente confusi, per l'alcol o per la droga, da non riuscire neppure a stare in piedi quando li portano in caserma.

Ma anche la reazione della ragazza sul luogo dell'omicidio fa sospettare chi accorre che il suo stato non sia solo dovuto alla disperazione. Non sembrano comunque esserci dubbi sulle cause dell'omicidio. Gelosia e amore trasformati in follia, forse dall'alcol, forse dalla droga.

(fonte: Ansa)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • Tragico gesto estremo: giovane uomo muore suicida a 38 anni

  • Scoppia la tv, la casa si riempie di fumo: donna muore tra le braccia della figlia

  • Positivo al coronavirus: altra classe in quarantena, tampone per tutti i compagni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento