Ucciso a coltellate e poi sepolto: l’assassino scrive alla madre della vittima

Al via il processo per l'omicidio di Guido Bettoni, ucciso a coltellate a 37 anni dall'amico Lamberto Lombrici, che intanto chiede scusa ai familiari. L'episodio la scorsa estate

Lamberto Lombrici

Una lettera di scuse, indirizzata alla madre del giovane che lui stesso ha ucciso. “So che non si può tornare indietro. Sono pentito e pieno di rimorsi: la colpa è mia. Chiedo perdono per quello che ho fatto”. Le parole sono queste, più o meno: la lettera l'ha scritta Lamberto Lombrici, il 43enne che abitava al quartiere Perlasca e che la scorsa estate, pochi giorni dopo aver seppellito il cadavere, ha confessato agli inquirenti di essere il responsabile dell'omicidio di Guido Bettoni, 37enne che abitava in una villa di Via Benacense.

Mercoledì mattina ha preso il via il processo: le dichiarazioni di accusa e difesa, le perizie mediche sul corpo di Bettoni ma anche su quello di Lombrici, che avrebbe riportato ferite ed escoriazioni compatibili con una lite. La tesi della difesa si basa proprio su questo: Lombrici avrebbe cercato in qualche modo di difendersi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Una sterzata disperata, poi lo schianto contro l'albero: così è morta Celeste

Torna su
BresciaToday è in caricamento