menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d’archivio

Foto d’archivio

Maxi-discarica abusiva in un campo: si rischia la contaminazione della falda

L'amara scoperta delle Guardie Ecologiche Volontarie: in un prato di Offlaga, al confine con Leno e Manerbio, sono stati scaricati abusivamente centinaia di metri cubi di pollina e letame

Maxi-discarica abusiva di pollina e letame animale a Offlaga, in un terreno al confine con Leno e Manerbio: l'amara scoperta a cura delle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Brescia, già al lavoro per cercare di risalire agli allevatori che hanno compiuto l'illecito. E come scrive il Giornale di Brescia, purtroppo, il materiale zootecnico scaricato abusivamente avrebbe già contaminato non solo i corsi d'acqua superficiali, ma anche la falda acquifera.

Indagini in corso, coordinate dalla Polizia Provinciale: del fatto sono già stati allertati anche i colleghi della Polizia Locale e i tecnici di Arpa e Ats. A livello istituzionale è già intervenuto anche il Comune, che ha già fatto pubblicare (con decorrenza immediata) un'ordinanza di bonifica dell'area contaminato.

Si tratta di un reato ambientale bello e buono, con rilevanza penale: nel dettaglio, gli abusivi hanno scaricato centinaia e centinaia di metri cubi di pollina, le deiezioni degli allevamenti avicoli, mista ad altro letame animale.

Il materiale smaltito abusivamente con il tempo ha rilasciato ingenti quantitativi di percolato inquinante, che lentamente ha “allagato” il terreno e parte dei corsi d'acqua sotterranei, fino ad arrivare alle falde acquifere. L'entità dell'inquinamento è da verificare, ma si rischia l'ennesimo disastro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

Coronavirus

Covid, sono 51 i Comuni bresciani con dati da zona rossa: l'elenco completo

Attualità

C'è chi spacca tutto, chi tenta il suicidio impiccandosi: "Qua dentro è una polveriera"

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Cosa riapre in Italia dal 26 aprile

  • Coronavirus

    Vaccino: un bresciano su quattro ha già ricevuto almeno la prima dose

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento