menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il dormitorio di via Villa Glori - Copyright Bresciatoday.it

Il dormitorio di via Villa Glori - Copyright Bresciatoday.it

Emergenza freddo: occupato il dormitorio di via Villa Glori

L'emergenza freddo, il programma di sostegno ai senzatetto, è finita martedì mattina e loro non hanno più alcun posto dove passare la notte, così hanno occupato la struttura di Via Villa Glori. Gli occupanti sono 12 e sono tutti italiani.

L'emergenza freddo, il programma di sostegno ai senzatetto, è finita martedì mattina e loro non hanno più alcun posto dove passare la notte, così hanno occupato il dormitorio di Via Villa Glori.

Sono in 12, tutti italiani, è sono agguerriti: “ Gli stranieri vengono aiutati noi, invece, siamo l'ultima ruota del carro.  Siamo tutti italiani che hanno perso il posto di lavoro e la casa, non siamo dei tossicodipendenti o dei delinquenti. Se non avessimo occupato questo alloggio ora saremmo in mezzo alla strada”.

La loro richiesta è molto semplice: “Chiediamo solo un posto dove poter dormire, perché adesso chiudono tutti i dormitori. Con i pasti ci arrangiamo andando nelle mense gratuite. L'alternativa è passare la notte in stazione, non credo che quest'ipotesi faccia piacere al Comune”.

Una decisione, quella dell'occupazione, maturata in fretta. Lunedì sera, i senzatetto presenti nella struttura prefabbricata, sita in una  traversa di Via Milano, si sono riuniti e hanno deciso di non lasciare più quei letti e quelle stanze. “ Alla riunione - racconta Daniele, che è stato sfrattato dal proprio appartamento lo scorso febbraio - c'erano anche gli stranieri ospitati dalla struttura e anche loro erano d'accordo sull'occupazione, ma quando è arrivata la Polizia Locale sono scappati. Se torneranno nelle prossime notti non li faremo entrare. Noi abbiamo parlato con le forze dell'ordine, consegnato i nostri documenti e garantito che qui non succederà niente.”

Gli agenti della locale, infatti, non  hanno proceduto allo sgombero, ma solo al controllo dei documenti degli occupanti che, in attesa di risposte dalle istituzioni, rimarranno in una di quelle 5 camerate, che da novembre allo scorso lunedì hanno ospitato circa 40 persone per notte.

Nel frattempo la Loggia sta ascoltando alcuni rappresentanti della protesta e i responsabili delle cooperative che gestiscono la struttura comunale per trovare una soluzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento