rotate-mobile
Cronaca Nuvolento

Lite furiosa all’ora di cena: impugna il coltello da cucina e uccide il marito

La donna è stata arrestata

Accoltellato alla gola - parrebbe più di una volta - dalla moglie, al termine di una furibonda lite. Per Romano Fagoni non c’è stato più nulla da fare. Inutile l'intervento dei sanitari del 118, accorsi dopo la richiesta d’aiuto, a quanto pare, fatta scattare dal figlio 15enne della coppia.

Il delitto si è consumato nella cucina della casa di via Carlina a Nuvolento, dove Fagoni abitava con la moglie 57enne Raffaella Ragnoli, verso le 21 di sabato 28 gennaio. Sul posto, oltre ai sanitari, sono accorsi i carabinieri del nucleo operativo di Brescia e il colleghi della sezione investigazioni scientifiche del comando provinciale. Interrogata dai militari e dal magistrato di turno, la donna avrebbe ammesso le sue responsabilità ed è stata arrestata per omicidio.

Come detto, il delitto è avvenuto al culmine di una discussione in famiglia, scoppiata per ragioni ancora al vaglio degli investigatori e alla quale avrebbe assistito anche il figlio 15enne della coppia. La 57enne avrebbe afferrato un grosso coltello da cucina e poi colpito il marito alla gola: ferite profonde che non hanno lasciato scampo all’uomo di 60 anni.

Era la prima volta che i carabinieri entravano nell'abitazione dei coniugi: prima di sabato sera non erano mai stati chiamati a sedare discussioni. I primi accertamenti avrebbero anche escluso che ci fossero denunce pregresse per liti in famiglia, percosse o maltrattamenti, nonostante - stando a quanto riferito dalla donna al pubblico ministero - i diverbi fossero molto frequenti e piuttosto accesi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lite furiosa all’ora di cena: impugna il coltello da cucina e uccide il marito

BresciaToday è in caricamento