Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Un futuro per la NK di Ceto: sì all'investimento da 2 milioni di euro

Sindacati e proprietà hanno raggiunto un accordo preliminare per un nuovo investimento di circa due milioni di euro che porterà in valle nuovi macchinari per iniziare una produzione di filati finissimi per camiceria

C'è un futuro per lo stabilimento Nk di Ceto. Lunedì sera a Brescia, sindacati e azienda hanno siglato una bozza di accordo per installare nuovi macchinari in Valcamonica per dar vita a una produzione di filati finissimi per camiceria.

Il via libera alla bozza arriverà, però, solo dopo il sì delle assemblee fissate sui tre turni di venerdì 17 febbraio, quelli delle 12.30, 14 e 22. In caso di voto favorevole, mercoledì 22 febbraio ci sarà un nuovo incontro con l'azienda con la firma ufficiale del progetto.

- Calze e tessile in crisi: 2.000 posti a rischio e licenziamenti via fax
- La crisi che non si ferma, tessile a rischio: «Tutto potrebbe finire»


Fino a ora, gli accordi prevedono un investimento della Nk Textile di circa 2 milioni di euro, che consentirebbe allo stabilimento di Ceto di raddoppiare, portandoli da 31 a 60, il numero dei lavoratori attivi in Valcamonica. Attualmente, i dipendenti sono in tutto 108, 78 dei quali resteranno in cassa integrazione straordinaria fino al prossimo luglio 2012.

Per i dipendenti in esubero, sono stati fissati ammortizzatori sociali fino al 2013 mentre, per chi rimane, il salario resterà fisso e non variabile, come invece aveva richiesto la proprietà.

- Brescia, l'anno nero 2011: 42.428.797 ore di cassa integrazione
- Crisi: il tasso di disoccupazione «reale» tra i giovani sale al 38,7%

- Crisi: 160 famiglie chiedono aiuto alla Caritas di Lumezzane
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un futuro per la NK di Ceto: sì all'investimento da 2 milioni di euro

BresciaToday è in caricamento