Neonato morto in ospedale: "Non si tratta di legionella né di polmonite"

A dirlo è la Asst del Garda in seguito a nuovi accertamenti medico-legali

Nuovi accertamenti medico-legali svolti dell'Asst del Garda hanno escluso che il decesso del neonato morto all'ospedale di Manerbio sia da ricollegarsi a un caso di polmonite o di legionella, come evince era trapelato in un primo momento da fonti interne al nosocomio e poi riprese dal Bresciaoggi.

Il piccolo avrebbe cominciato a sentirsi male a pochi minuti dalla nascita. Trasferito d'urgenza nella Terapia intensiva neonatale, è morto poco dopo. I giovani genitori avrebbero già presentato un esposto in Procura, che ha disposto l'autopsia per far luce su quanto successo.

Sembra così definitivamente escluso che il piccolo sia da annoverarsi tra le vittime dell'epidemia di polmonite in atto nel Bresciano. Un caso senza precedenti in tutto il mondo: ormai conta più di 500 casi da inizio settembre, 13 dei quali accertati solo quest'ultima domenica.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Pannelli fotovoltaici a Brescia: come funzionano e quali sono i vantaggi

  • Alla scoperta del Sentiero delle Grotte, gioiello nascosto del Lago d'Iseo

I più letti della settimana

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

  • Ragazzo di 16 anni gravissimo dopo un tuffo: trauma spinale, rischia la paralisi

  • Esce dalla villa per andare in edicola, imprenditore travolto e ucciso da una moto

  • Bambina bresciana sparisce in spiaggia, incubo per mamma e papà

  • Lui è in gravi condizioni, rischia di morire: marito e moglie sposi in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento