Nicole, Cristian e Marco: il dramma dei tre neonati morti all'ospedale Civile

Tre neonati morti in poco più di una settimana, e tutti al Civile: indagano i carabinieri, il ministero presto invierà una task-force

Foto d'archivio

Nessuna correlazione medica accertata nei vari casi, almeno per il momento: i tre neonati morti in poco più di una settimana, e tutti al Civile di Brescia, sarebbero deceduti a causa di complicanze legate a improvvise infezioni sistemiche, di cui però non è ancora stata determinata l'origine. Questo il contenuto della nota ufficiale diffusa nelle ultime ore dal primo ospedale bresciano.

Intanto gli accertamenti proseguono: tre i morti in pochi giorni, il primo il 30 dicembre scorso e l'ultimo, il piccolo Marco, nel pomeriggio di sabato 5 gennaio. La madre Denise Malvicini su Facebook ha pubblicato una foto del bambino appena nato, e chiede che venga fatta chiarezza su quanto accaduto.

Indagini in corso: in ospedale già ci sono i Nas dei carabinieri. E da Roma il ministro della salute Giulia Grillo ha già annunciato l'arrivo di una squadra di ispettori, una task-force del ministero della sanità. Anche sul piccolo Marco, l'ultimo in ordine di tempo ad essere deceduto, è già stata effettuata l'autopsia.

Tre morti in pochi giorni

Prima di lui (e solo poche ore prima) è morto anche Cristian, nato da poco meno di due mesi. Si era sentito male a pochi giorni dalla nascita, poi sottoposto a un intervento allo stomaco che sembrava aver risolto ogni problema, pronto alla guarigione. Prima dell'improvvisa ricaduta, nella notte tra il 3 e il 4 gennaio.

Solo pochi giorni prima era morta anche la piccola Nicole: la bimba è morta il 30 dicembre scorso. Pare che tutti e tre i neonati siano stati vittime di uno shock settico, o shock setticemico, una sindrome da shock dovuta a una grave infezione con sepsi. La sindrome è sistema, cioè coinvolge l'intero organismo, anche se l'agente infettante può essere presente solo in un particolare sito corporeo.

Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

  • I più letti della settimana

    • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

    • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

    • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

    • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

    • Maltempo, non è finita. L'allerta della Protezione Civile: "In arrivo vento e forti temporali"

    • Orrore in reparto: ragazza di 19 anni si dà fuoco e muore avvolta dalle fiamme

    Torna su
    BresciaToday è in caricamento