menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Neonata abbandonata: pesa due kg e due, è stata chiamata Lucia Maria

È in buone condizioni di salute, potrebbe essere nata il giorno prima del ritrovamento, e portava una bavaglina con scritte parole in lingua portoghese.

Adagiata in una culla improvvisata - più simile a una bacinella in plastica - coperta da un asciugamano, con una bavaglina bianca, il capo appoggiato su un cuscino per bambini. È stata trovata così la neonata abbandonata ieri, sabato 10 dicembre, all’esterno dell’ex Seminario Diocesano di Brescia in via Bollani, che ora è il Polo culturale della diocesi, vicino al luogo dove la Caritas accoglie i senzatetto. 

A trovare la piccola, piangente, è stato il signor Mario Di Noia, 76 anni, ex paramedico ora in pensione, organista presso la parrocchia di Casazza. Erano all’incirca le nove quando l’uomo, dopo aver parcheggiato l’auto, stava per entrare nel centro per la solita esercitazione all’organo. Un vagito, e due manine protese verso l’alto: così la piccola si è palesata a Mario, che immediatamente ha suonato al campanello per chiamare aiuto. Il primo ad accorrere è stato Zef, un ospite albanese che lavora in portineria. È stato lui a portare al caldo la bimba, e pi a chiamare il 118. 

I sanitari a bordo di un’ambulanza sono arrivati in pochi minuti. Presa in consegna la neonata, l'hanno portata al pronto soccorso pediatrico del vicino ospedale Civile, dove le è stato dato il nome di Lucia Maria, Lucia per l’imminente festa più amata dai bambini bresciani, Maria perché ieri, il giorno del ritrovamento, era il 10 dicembre, giorno dedicato alla Madonna di Loreto. La bambina sta bene, pesa due chili e duecento grammi; all'arrivo in ospedale aveva ancora il cordone ombelicale attaccato. L’ipotesi più probabile è che sia nata venerdì. 

I carabinieri della città stanno indagando per dare un'identità ai genitori. A depositare la piccola fuori dal centro potrebbe essere stato un uomo, ripreso dalle videocamere prima di lasciare la culla. Un indizio importante è rappresentato dalle scritte, in portoghese, sulla bavaglina che aveva la bimba, che lascerebbe intuire ad una nazionalità appunto portoghese, o brasiliana, dei suoi genitori.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento