Protesta shock: corpi di maiali morti in piazza a Brescia

Dalle 14.30 la protesta contro gli allevamenti di maiali organizzata dagli attivisti di Nemesi Animale: in Largo Formentone un presidio di protesta, e la proiezione del docu-film 'Fabbriche di carne', girato tra il 2011 e il 2012

Foto © Nemesi Animale

Una ‘protesta shock’ in piazza a Brescia, dalle ore 14.30 nei pressi di Largo Formentone, organizzata da Nemesi Animale, un’iniziativa dal forte impatto che vuole mostrare il lato nascosto degli allevamenti e della produzione di carne. Nel corso della giornata verrà anche proiettato il video ‘Fabbriche di carne’, frutto di un lavoro di indagine svolto dagli attivisti animalisti tra il 2011 e il 2012 in decine e decine di allevamenti italiani.

“Si tratta di una protesta forte che vuole far riflettere sul destino di milioni di animali che ogni anno nascono negli allevamenti e muoiono nell’indifferenza – fanno sapere da Nemesi Animale – Moltissimi sono quelli che non ce la fanno e muoiono a pochi giorni di vita, vicino alle loro stesse madri. Per gli allevatori questi cadaveri sono solo uno scarto, una perdita di profitto. Per noi sono i corpi di individui che avrebbero potuto godere di ben altra vita, fuori dalle gabbie e lontano dai ganci dei macelli”.


“Abbiamo scelto Brescia perché è la Provincia che vanta il triste primato del maggior numero di maiali allevati, un milione e mezzo registrati nel 2010, abbiamo scelto Brescia anche perché a Manerbio si minaccia la costruzione del più grande macello di maiali in Europa, una struttura dall’aberrante capacità di uccidere e smembrare fino a 12mila esseri viventi al giorno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è un caso, si legge ancora nel comunicato, che i macelli “vengano costruiti lontano dagli occhi della gente e che tutto quello che accade là dentro non venga mostrato”. Solo nel 2010 in Italia sono stati uccisi e macellati più di 13 milioni di maiali: “Vogliamo mostrare cosa succede negli allevamenti, e quali sono le condizioni in cui versano gli animali. Sta a noi tutti, dopo aver visto e saputo, trarre le proprie conclusioni e scegliere di non contribuire alla loro sofferenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento