Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Nel giardino di casa dieci cuccioli di cinghiale e la loro madre

Un'intera cucciolata di cinghiali ha occupato l’abitazione di un salodiano nei pressi della strada Gardesana.

Qualche saltuaria incursione è la norma da diversi anni, ma mai il proprietario dell’abitazione in oggetto si era trovato nel giardino la bellezza di dieci cuccioli di cinghiale, e della loro madre, decisamente grossa ed aggressiva per proteggere la prole. La storia che viene raccontata da Mauro Ventura è decisamente singolare, a maggior ragione perché vive a Salò, a pochi metri dalla Gardesana, e non tra i boschi o i pascoli. 

Ora che i dieci cuccioli - ma non la madre, probabilmente fuggita più a nord - sono stati catturati dalla Polizia provinciale, che ha posizionato nel grande giardino una gabbia contenente granoturco e pezzi di mela, è lo stesso Ventura a raccontare la storia, sulle colonne del quotidiano Bresciaoggi: «Da anni ormai siamo abituati alle incursioni notturne in questa zona, ma fino ad ora si era trattato di esemplari che rovinavano il terreno alla ricerca di radici e tuberi, e poi sparivano. L’altro giorno pero?, facendo un giro nella proprieta?, ho notato quattro o cinque piccoli esemplari striati e poco lontano l’inconfondibile grugnito aggressivo della madre. Poi ho scoperto che erano piu? numerosi». 

Secondo i dati forniti dagli uffici della Comunita? montana di Gargnano, in complesso sono 234 i capi abbattuti nell’ultima stagione di caccia, da ottobre a dicembre, di cui 164 nella zona bassa del parco alto Garda bresciano, dove si raggruppano la maggior parte degli ungulati, e 70 nella parte alta dove la caccia è rimasta aperta fino al 31 gennaio. La presenza dei cinghiali, come si evince dalla storia del sig. Ventura, sta diventando sempre più problematica anche verso il basso Garda. Oltre ai danni causati ai privati, i cinghiali rappresentano un pericolo per gli automobilisti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel giardino di casa dieci cuccioli di cinghiale e la loro madre

BresciaToday è in caricamento