Cronaca

Azienda fallita con rosso milionario: a processo dirigenti e imprenditori

Riparte il maxi-processo della Stefana di Nave, in liquidazione dal 2017: sul banco degli imputati l'ex presidente, i membri del Cda e altri tre imprenditori

La Fase 2 è anche giudiziaria: è in programma martedì mattina la prima udienza del maxi-processo che coinvolge gli ex dirigenti della Stefana di Nave e altri tre imprenditori bresciani, in tutto sette imputati, accusati a vario titolo di bancarotta fraudolenta, falso in bilancio, emissione di fatture per operazioni inesistenti, indebite compensazioni, insolvenza fraudolenta e mancato versamento dei contributi previdenziali.

La Stefana, ricordiamo, era uno storico brand bresciano dell'acciaio, che occupava più di 600 dipendenti negli stabilimenti di Nave, Montirone e Ospitaletto: a seguito di concordato preventivo è stata dichiarata fallita con un “rosso” da centinaia di milioni di euro, da tre anni ormai in liquidazione.

Maxi-inchiesta Stefana: sette imputati a processo

Solo due aziende non avevano accettato il concordato, denunciando i dirigenti e altri collaboratori che ora, appunto, sono chiamati in tribunale: nello specifico si tratta di Giacomo Ghidini, ex presidente, dei consiglieri del Cda Pieralberto Ghidini, Quinto Stefana e Giulio Stefana, dei legali rappresentanti di altre tre aziende Annamaria Basile, Diego Gregorini e Matteo Gregorini.

Gli ultimi tre, in particolare, sono accusati di aver emesso false fatture a favore della Stefana per oltre 2 milioni di euro; l'ex presidente Ghidini e i membri del Cda sono invece accusati di aver omesso la situazione finanziaria della società: a Ghidini viene contestato anche il mancato versamento di contributi previdenziali per oltre 200mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Azienda fallita con rosso milionario: a processo dirigenti e imprenditori

BresciaToday è in caricamento