Cronaca

"Cibo Sicuro" a Brescia: sigilli dei Carabinieri a 15 ristoranti

Vasta operazione dei Carabinieri del NAS di Brescia, in azione sul territorio per oltre 200 controlli. Licenza sospesa a 15 attività, sequestrati cibi scaduti o avariati per centinaia di chili, e un valore di 20mila euro

L’operazione "Cibi Sicuri" del Nucleo Antisofisticazione dei Carabinieri di Brescia ha permesso di risalire ad una quindicina di ristoratori cittadini che non rispettavano le norme di sicurezza igienico-sanitarie. Un vero e proprio blitz, seguito da una fitta serie di controlli anche in provincia, dai ristoranti ai bar, dalle cucine dei campeggi alle rosticcerie.

Quasi un mese di lavoro, per i militari del Nas bresciano. E quindici licenze temporaneamente sospese, fino a quando non tutti gli accertamenti rientreranno nelle norma. Tra i cibi sequestrati, e le denunce emesse, davvero di tutto: pesce pescato mesi e mesi fa, e venduto come freschissimo.

Oppure bevande e prodotti da forno, dolciari o salati, scaduti da settimane e settimane, e venduti ai clienti come fossero 'regolari'. Per non parlare di formaggi e salumi veramente da 'buttare', ma che in qualche trattoria erano venduti come fossero specialità del territorio.

Nel complesso, su oltre 200 ispezioni, circa il 20% dei locali controllati ha fatto registrare irregolarità. Le stime dei sequestri poi, nell’ordine di 20mila euro, per centinaia di chili di prodotti alimentari avariati, o scaduti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cibo Sicuro" a Brescia: sigilli dei Carabinieri a 15 ristoranti

BresciaToday è in caricamento