menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Autista troppo giovane sull'ambulanza? Il giudice dà ragione ai volontari

Il mezzo era stato sequestrato perché alla guida c'era un ragazzo di soli 20 anni, ma non stava facendo un servizio di emergenza

Un ragazzo di 20 anni stava guidando l'ambulanza, al suo fianco un volontario esperto. Fermati da una pattuglia dei carabinieri, la loro associazione è stata multata, e il mezzo   sottoposto a fermo amministrativo per 60 giorni. Il motivo? L'età minima per guidare l'ambulanza secondo il Codice della strada è di 21 anni. Ora, a distanza di due settimane da quell'episodio, il Giudice di pace ha però annullato il fermo riassegnando il mezzo a Camunia soccorso. 

Alla base delle motivazioni del Giudice c'è il fatto che l'ambulanza non era impegnata in operazioni di emergenza, bensì stava semplicemente tornando in sede, senza feriti a bordo.   Il presidente dell'associazione, Raffaele Colombo, fin da subito si disse sorpreso dal provvedimento, annunciando ricorso. Ricorso che è stato accolto dal Giudice di pace, che ha riconsegnato il mezzo ai volontari. 

I responsabili dell'associazione hanno chiarito la loro versione della faccenda: «Sapevamo che la situazione si sarebbe sistemata in poco tempo, chi lavora in modo onesto e professionale non teme la giustizia. Ringraziamo tutti quelli che in queste settimane hanno avuto un pensiero positivo per noi, ci sono stati vicino anche solo con un messaggio e ringraziamo anche quelli che hanno riso e gioito della nostra situazione. Tutto ci rende più forti e pronti ad affrontare qualsiasi situazione. Nonostante tutto siamo sempre stati al servizio del cittadino. Noi ci siamo con la nostra professionalità».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento