Silos esploso a Orzinuovi: morto al San Martino di Genova operaio 49enne

Il decesso è stato causato dalle sostanze tossiche inalate all'interno del silos a seguito dell'esplosione

fonte: Teletutto

Ferdinando Gatti non ce l'ha fatta. L'operaio 49enne, rimasto coinvolto nell'esplosione di un silos all'Industria Mangimi Brescia di Orzinuovi, è spirato all'ospedale San Martino di Genova.

Il decesso - fanno sapere i medici - è dovuto a quanto respirato all'interno del silos a seguito dell'esplosione, e non alle ustioni riportate.


Gatti, originario di Paratico, lascia moglie e due figli. Il paese è ora in apprensione per le sorti dell'altro operaio della Smac rimasto coinvolto nell'incidente, il 21enne Davide Siroli.

Il giovane è ricoverato al centro grandi ustionati dell'ospedale Bufalini di Cesena dopo aver riportato ustioni sul 70% del corpo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: tampone obbligatorio per chi rientra dall'estero

  • Si butta dalla finestra di casa, suicidio shock scuote il quartiere

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Coronavirus, allarme contagi di ritorno: 7 ragazze positive dopo una vacanza

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Temporali nel Bresciano, già in corso le prime violente grandinate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento