Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Centro / Piazza della Repubblica

Prende a testate gli agenti, poi morsi e sputi: pregiudicato in manette

E' stato arrestato dalla Polizia Locale il pregiudicato tunisino che mercoledì pomeriggio ha dato di matto in Piazzale Repubblica

Morsi e spunti agli agenti, finisce in manette: la Polizia Locale di Brescia mercoledì pomeriggio ha arrestato un pregiudicato tunisino appena rientrato in Italia dopo un viaggio in Spagna per rinnovare il suo permesso di soggiorno. Gli agenti hanno seguito i movimenti dell'uomo, che pareva spostarsi senza una meta precisa tra il piazzale della stazione, Via Vittorio Emanuele II, Corso Martiri della Libertà e Corso Matteotti.

I poliziotti l'hanno fermato in Piazzale Repubblica, chiedendogli prima i documenti e poi, visti i precedenti, se per caso avesse con sé della droga. Alla specifica richiesta il tunisino ha reagito con violenza, accusando gli agenti di razzismo: quando questi hanno cercato di fermarlo, lui ha tentato in ogni modo di scappare sputando addosso, spintonando, tirando pugni e testate fino a mordere la mano ai due operanti. 

Non senza fatica è stato accompagnato al comando di Via Donegani, dove è stato trattenuto su disposizione del pubblico ministero in attesa del giudizio per direttissima. Già noto alle forze dell'ordine per reati legati allo spaccio di droga, è stato arrestato con le accuse di violenza e resistenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prende a testate gli agenti, poi morsi e sputi: pregiudicato in manette

BresciaToday è in caricamento