Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

Cadavere nelle acque del lago: il mistero della donna senza nome

Non ha ancora un'identità la donna di circa 40 anni trovata senza vita a Carzano di Montisola: si attende l'autopsia per conoscere le cause della morte

Foto d'archivio

Ricerche serrate, nei database e negli archivi, per cercare di risalire all'identità della donna senza nome, ripescata senza vita sabato sera a Carzano di Montisola: i carabinieri stanno controllando gli identikit di tutte le donne scomparse, e mai ritrovate, nelle province di Bergamo e Brescia. Poi la ricerca si estenderà in tutta la Lombardia.

Tutto è possibile, ad oggi: si attendono gli esiti dell'autopsia, che potrebbe essere programmata già per lunedì, dunque tra poche ore. Le certezze sono poche: la donna potrebbe essere morta anche da decine di giorni. Il corpo era in stato avanzato di decomposizione: nessun segno di violenza, se non un livido sull'anca ma che potrebbe essere anche una lesione post-mortem.

Maglia e pantaloni, al polso un orologio

Indossava un maglione leggero, pantaloni e scarpe: al polso un orologio, poi niente più. Potrebbe aver perso il giubbino quando è caduta nel lago. Ma è stato un incidente oppure qualcosa di peggio? Nessuna risposta, al momento. Sarà l'autopsia a sciogliere i nodi più intricati. Della vicenda si stanno occupando i carabinieri e la procura: sabato sera sul posto c'erano anche i vigili del fuoco e gli operatori sanitari.

A dare l'allarme un residente, che avrebbe visto il cadavere riaffiorare a pelo d'acqua proprio di fronte a casa. In pochi minuti un grande dispiegamento di forze ha permesso di recuperare il corpo: per lunghi attimi si è sperato che la donna potesse essere ancora viva. Niente da fare, era morta da giorni. Dovrebbe avere circa 40 anni d'età.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cadavere nelle acque del lago: il mistero della donna senza nome

BresciaToday è in caricamento