Schiacciato dai carrelli, lacrime e rabbia: era l'ultimo impiego prima della pensione

Finito il lavoro in fabbrica dava una mano in chiesa, e poi aiutava la sua famiglia: tutta Montisola ricorda con affetto Amos Turla, morto a 61 anni

Amos Turla

Braccia incrociate, ancora per qualche ora, alla Dolomite Franchi di Marone: la solidarietà di operai e colleghi nel ricordo di Amos Turla, morto sabato pomeriggio a 61 anni mentre stava lavorando in fabbrica, stritolato tra due carrelli carichi di pietre. Sull'accaduto sta ancora indagando la magistratura: la salma riposa nell'obitorio dell'ospedale, in attesa del via libera alla sepoltura.

Amos Turla aveva 61 anni: quello alla Dolomite Franchi, dove lavorava da meno di un paio d'anni, sarebbe stato il suo ultimo impiego prima della pensione. Abitava a Montisola con la famiglia: molto conosciuto in paese anche per il suo impegno sociale, e le attività che condivideva con la parrocchia. Era il cugino del sindaco Fiorello Turla.

Conosciuto in paese e non solo

Era diacono, volontario, aiutante: tutto quello che si poteva fare per dare una mano alla Chiesa. Per una vita intera ha lavorato nel settore dell'edilizia, prima di perdere il lavoro: come detto, da meno di due anni aveva trovato un impiego alla Dolomite Franchi di Marone. Fino a sabato scorso, il giorno della tragedia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Morti bianche: la strage silenziosa

Finito il turno in fabbrica avrebbe dovuto raggiungere la moglie e gli amici per passare una serata insieme. Non è andata così, purtroppo: oltre all'amata moglie Patrizia lo piange anche la giovane figlia Erica, sposata da poco. L'ennesima morte bianca della nostra provincia: è la nona dall'inizio dell'anno, in poco meno di sette mesi. In tutta Italia, come riportato dall'Osservatorio indipendente di Bologna, da gennaio a luglio sono morti 805 lavoratori, compresi i morti sulle strade e in itinere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Intrappolato nel sottopasso, ragazzo di 30 anni rischia di annegare in auto

  • Coronavirus in provincia di Brescia: i contagi Comune per Comune

Torna su
BresciaToday è in caricamento