Ponte inutilizzabile dopo la strage, il bar di Matteo costretto a chiudere

Sarà il bar Orange Juice il primo ad abbassare le serrande dopo la chiusura del ponte sulla Sp24, interdetto al traffico dopo il terribile incidente di gennaio: dovrà essere abbattuto

Il bar Orange Juice di Montirone presto chiuderà i battenti: da poco più di un mese infatti il ponte sulla Provinciale è interdetto al traffico, a seguito del terribile incidente dei primi di gennaio in cui hanno perso la vita sei persone, tra cui un'intera famiglia, e da quel giorno il flusso dei clienti è diminuito significativamente. Le ripercussioni si fanno sentire anche in altri locali e nel supermercato del paese.

Lo racconta a Bresciaoggi proprio Matteo, il giovane titolare (ha 28 anni) del bar che ormai è destinato a chiudere: “Ho aperto tre anni fa – spiega – e piano piano mi sono fatto strada. Avevo scelto questa zona proprio perché la Sp24 è un'arteria trafficata e dunque fertile dal punto di vista commerciale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indietro non si torna: “E' passato un mese prima di sapere che il ponte doveva essere abbattuto. E adesso chissà quanto passerà per ricostruirlo e riaprire la strada. Io non posso resistere altri sei mesi in queste condizioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento