Lavoravano 10 ore al giorno, pagati meno di 3 euro: i nuovi schiavi del volantinaggio

Sfruttati da quattro imprenditori pakistani, tutti denunciati: pagati meno di 3 euro l'ora e sfruttati più di 50 ore a settimana. Il blitz della Polizia locale

Foto di repertorio

Lavoravano per almeno 50 ore a settimana, pagati tre volte meno di quanto sarebbe stato dovuto, camminando fino a 40 chilometri al giorno: era questa la condizione di sfruttamento dei 14 lavoratori stranieri, in gran parte richiedenti asilo e in attesa del nulla osta della Questura, per rimanere in Italia, finite nelle grinfie di quattro imprenditori pakistani (tra cui due fratelli) che per mesi li avrebbero sfruttati nella distribuzione di depliant e volantini pubblicitari di noti supermercati della zona.

Tutti e quattro gli imprenditori sono stati denunciati per caporalato, sfruttamento del lavoro e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina: rischiano multe di decine di migliaia di euro a testa (e per ciascun lavoratore irregolare). Sono stati smascherati dagli agenti della Polizia locale di Montichiari, coordinati dal comandante Cristian Leali, che per settimane hanno pedinato e seguito i dipendenti sfruttati.

Pagati meno di 3 euro l'ora, e senza contratto

Che poi, in gran parte, non erano nemmeno assunti: 9 quelli risultati essere in nero, un altro era clandestino, 4 invece quelli che erano assunti ma per lavorare 2 ore al giorno, quando invece se facevano più di 10. Pagati meno di 3 euro l'ora, quando il contratto nazionale ne prevede poco meno di 8 e 50.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Distribuivano volantini tutto il giorno, tutti i giorni, a Montichiari e non solo. Venivano caricati sui furgoni e poi lasciati nelle zone della distribuzione: spesso tenuti d'occhio a vista dai datori di lavoro, e costretti a turni massacranti. Gli stranieri sfruttati provenivano da Pakistan, India e Nigeria. Non risultano coinvolti i supermercati di flyer e volantini: agenzie o i supermercati stessi si sarebbero affidati ai quattro imprenditori pakistani, in buona fede. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Uccisa dalla malattia in poco più di una settimana, Denise muore a soli 21 anni

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Svuota le casse dell’azienda, compra borse e auto di lusso: nei guai impiegata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento