menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vendono merce online per 100mila euro, ma è una truffa: nei guai tre familiari

Almeno 60 gli acquirenti truffati con un metodo banale ma a quanto pare efficace

Moglie, marito e cognato: sono tre familiari i responsabili di una serie di truffe dal valore complessivo di 100mila euro. Senza muoversi dal soggiorno di casa, a Montichiari, i tre hanno scucito il denaro a una sessantina (almeno, potrebbero essere molti di più) di acquirenti attratti da ottime offerte online. 

Il modus operandi era sempre lo stesso. Attraverso il portale di vendite online Subito.it, uno dei più utilizzati sul territorio nazionale, totalmente estraneo ai fatti, i tre soci in affari pubblicavano fotografie di attrezzature industriali usate, soprattutto carrelli elevatori. Ogni annuncio era corredato di dati precisi delle caratteristiche che rendevano i macchinari particolarmente appetibili. 

Le persone interessate potevano chiamare un numero di telefono, e ricevere tutte le informazioni, prima di convincersi a versare una caparra del valore di mille euro. Una volta incassata la cifra, i venditori truffaldini non sparivano, ma anzi tranquillizzavano gli acquirenti per giorni, spiegando per bene la procedura per il passaggio di proprietà, salvo poi sparire al momento del dunque. 

I carabinieri di Montichiari sono giunti ai tre familiari grazie all'indagine congiunta effettuata sui conti di appoggio delle carte Postepay Evolution utilizzate per incassare le caparre. I coniugi, 50 anni lui, 46 lei, e il cognato, 55enne, tutti ufficialmente disoccupati, sono stati denunciati per truffa aggravata e continuata in concorso. Le carte telefoniche utilizzate erano intestate a complici o a stranieri residenti all'estero.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento