Maxi-rissa tra ubriachi dopo il concerto: volano bastoni e bottiglie, 4 feriti

La zuffa si è scatenata sabato sera a Montichiari, all'uscita del Palageorge: dei 10 coinvolti ben 6 sono riusciti a scappare. Indagano i carabinieri

Maxi-rissa dopo il concerto: almeno 10 le persone coinvolte e quattro i feriti. Ma il bilancio potrebbe essere ben peggiore: non si hanno notizie, al momento, degli altri 6 coinvolti nella rissa e che si sono dati alla fuga all'arrivo dei carabinieri. E' successo sabato sera a Montichiari, all'uscita del Palageorge.

In loco si era appena concluso un concerto di musica indiana, a cui hanno partecipato circa 2000 persone. All'uscita si è poi scatenata la rissa, a quanto pare tra due gruppi contrapposti, che forse addirittura si aspettavano: a detta dei testimoni sono volate bottiglie e bastoni. E pare che già durante il concerto ci fossero stati dei momenti di tensione.

I carabinieri e la fuga

I dieci coinvolti nella rissa sarebbero tutti giovani di origine indiana. Inevitabile la chiamata al 112: in pochi minuti sono arrivati i carabinieri. Ma al loro arrivo in sei erano già scappati, rimasti solo in quattro: due sono stati medicati sul posto, altri due sono stati trasferiti al pronto soccorso.

Sono stati tutti identificati e già interrogati dai militari, al lavoro per ricostruire la vicenda nei dettagli. Mentre si cercano i sei fuggitivi, anche i quattro rimasti verranno probabilmente denunciati. A margine della maxi-zuffa, una certezza: erano tutti completamente ubriachi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Massacrata di botte la fidanzata: la crede morta e brucia l'appartamento

  • Cadavere ritrovato nel lago d'Iseo: forse è la giornalista Rosanna Sapori

  • Le lacrime per mamma Laura, stroncata da un tumore a soli 38 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento