Dopo la rapina pagò da bere al bar, ora la condanna

Visto l'esito positivo del colpo pensò bene di festeggiare con gli amici, ma fu rintracciato dalla Locale.

Un'azione rapida, pulita, senza intoppi, e un bottino ricco, più di quanto sperato: forse per questo un pregiudicato di 48 anni pensò bene di festeggiare il colpo al bar, con gli amici di sempre. Peccato che l'auto parcheggiata fuori dal locale attirò le attenzioni della Polizia locale, sulla base del mandato di cattura emesso dai carabinieri. A distanza di tre mesi dalla rapina si è celebrato il processo, il rapinatore ha patteggiato per tre anni e due mesi di reclusione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La storia. Era il 18 aprile quando il 48enne decise di effettuare il colpo presso la sala slot Mirage Club di Castiglione delle Stiviere. Con un cappellino in testa e gli occhiali da sole, l'uomo entrò nel locale e puntando una pistola al volto del titolare, un cinese di 33 anni, si fece consegnare l'incasso, circa 3mila euro. Risalito sulla sua auto, una Ford Fiesta Bianca, dopo essersi sbarazzato dell'arma (mai stata ritrovata) si recò in un bar di Novagli di Montichiari per festeggiare con gli amici, ai quali offrì da bere. Poco dopo, l'arresto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Coronavirus, allarme focolaio nel Mantovano: 97 positivi in un'azienda agricola

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento