Green Hill, la protesta che non si ferma: «Non ci arrendiamo!»

Ieri pomeriggio un nuovo presidio all'esterno del canile più contestato d'Italia: oltre 200 persone hanno protestato e hanno chiesto a gran voce la chiusura. E intanto se ne discute anche a Roma: "La battaglia continua"

Nemmeno il freddo e nemmeno la neve fermano la protesta contro Green Hill, il canile di Montichiari che gli attivisti non esitano a definire un lager per animali. Ieri pomeriggio una nuova manifestazione, proprio fuori dai cancelli, che ha visto coinvolte centinaia di persone provenienti da tutta la Provincia di Brescia, e da tutta Italia.

Nonostante il freddo e nonostante la neve. Non c’è stata la grande catena umana che avrebbe dovuto circondare la collina, le condizioni meteo purtroppo hanno avuto la meglio. Ma quella di ieri non è certo l’ultima iniziativa, mentre nei palazzi di Roma di discute di una legge e forse ci si prepara a predisporre la chiusura. E i manifestanti hanno polemicamente abbracciato il canile.

“Siamo contenti, anche oggi è andata bene – ci racconta Piercarlo Paderno di Occupy Green Hill – Non siamo riusciti a circondare la collina, molta gente è rimasta bloccata dal maltempo. Ma la nostra battaglia continua, e non ci fermeremo fino a quando Green Hill non verrà definitivamente chiuso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento