Risate e insulti dopo lo schianto con la Ferrari: l'incidente finisce in rissa

Le battute di chi ha assistito all’incidente non sono piaciute alle persone coinvolte nello schianto ed è scoppiata una furibonda rissa.

La Ferrari dopo lo schianto

Decisamente una domenica da dimenticare per il conducente e i passeggeri della Ferrari F430 che, domenica mattina, si è schiantata contro un palo, a poca distanza dal Centro Fiera del Garda di Montichiari: lì l’uomo al volante era diretto, per partecipare a un raduno di auto e moto. Oltre ai danni ingenti all’auto di lusso il proprietario, e alcuni parenti, devono anche fare i conti con una denuncia per rissa.

Pare infatti che il sinistro abbia scatenato l’ilarità e le battute pungenti di una coppia di fratelli di origine napoletana, residenti a poca distanza dal palo contro il quale è finita la corsa della Ferrari. Un atteggiamento ben poco gradito al proprietario della super car e ai parenti che erano a bordo con lui: prima sarebbero volati gli insulti, poi la situazione sarebbe degenerata e sarebbero passati alle vie di fatto.

Una vera e propria rissa, a cui avrebbero preso parte ben 7 persone, tra cui pare anche un ragazzino di soli 15 anni, parente dei due fratelli napoletani. Da una parte appunto il gruppetto di testimoni dello schianto, tutti giovanissimi, dall’altra le persone coinvolte nel sinistro. Nessuno si è fatto male, ma sono fioccate le denunce: ben sette. Sull’episodio faranno luce i carabinieri. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Terribile schianto sulla Statale: Paolo non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento