menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Chiede soldi all'amante per non rivelare tutto a sua moglie: arrestata

Colta sul fatto mentre intascava una busta con 500 euro, la donna è stata arrestata: la vittima era stata appositamente adescata

Ha adescato la sua vittima facendole credere di essere attratta da lui, poi, dopo che l'uomo è caduto in trappola, lo ha minacciato di rivelare la tresca alla moglie. È finita nei guai una 41enne di origine marocchina già nota alle forze dell'ordine per essere parte attiva di un giro di prostituzione scoperto nel 2014, quando fu tratto in arresto e condannato (a 2 anni e 8 mesi) il suo sfruttatore rumeno.

I fatti. Dopo essere caduto nelle grinfie della escort, che lo ha avvicinato con il preciso scopo dell'estorsione, un 50enne di Montichiari è stato ricattato da quella che pensava fosse semplicemente la sua amante. La donna, dopo qualche tempo dall'inizio della frequentazione, ha iniziato a minacciarlo dicendogli che avrebbe denunciato la tresca a sua moglie se non avesse ricevuto in cambio 3mila euro in contanti. 

Denunciato il fatto, il 50enne ha aiutato la Polizia locale di Montichiari a identificare la donna: grazie a un versamento da 250euro su una postepay intestata a un romeno, gli agenti sono risaliti alla sua vera identità (la donna non aveva mai utilizzato il suo vero nome), poi è scattata la trappola. Recatosi in un bar dove avevano fissato un appuntamento, l'uomo ha consegnato alla donna una busta contenente 500 euro - parte della somma chiesta in cambio del silenzio - il tutto sotto gli occhi degli agenti che hanno arrestato la ricattatrice in flagranza di reato. La 41enne è accusata di estorsione.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento