menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ai domiciliari per spaccio, allestisce nel cortile di casa un bazar della cocaina

Spacciava cocaina nel cortile di casa ma era agli arresti domiciliari, sempre per reati legati alla droga: i carabinieri lo arrestano di nuovo, sconterà la sua pena in carcere. In manette un artigiano bresciano di 42 anni di Montichiari

Artigiano bresciano di 42 anni si faceva beffa degli arresti domiciliari: non solo continuava a spacciare cocaina nel cortile della palazzina dove abita, ma più volte ha pure violato la misura cautelare andandosene liberamente a spasso. Per lui sono scattate le manette, di nuovo: ma questa volta rimarrà in carcere.

Tutto succedeva non lontano del centro del paese, in una palazzina di un quartiere popolare. A far scattare l'allerta dei carabinieri, che l'hanno poi arrestato, il continuo viavai di persone, soprattutto giovani, a qualsiasi ora del giorno e della notte.

Complice il caldo d'estate, lui spesso li aspettava fuori: seduto su un muretto, o su una panchina. Anche i vicini di casa avrebbero segnalato la cosa, infastiditi e preoccupati per il degenerare della sitauzione. E così sono scattate le manette, inevitabili.

L'uomo è stato arrestato in flagranza di reato: era tenuto d'occhio da tempo, i militari lo hanno beccato mentre era appena sceso di casa, si era riempito le tasche di cocaina da vendere e stava raggiungendo la sua "postazione" quotidiana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento