Cronaca Via Vighizzolo

Una discarica da 1 milione di metri cubi: e ci sarà pure l'amianto

Una sentenza del Tar ribalta la volontà della Regione sulla proposta della Padana Green: una discarica di rifiuti non pericolosi da oltre 1 milione di metri cubi, ma che conterrà anche amianto

La discarica di amianto (forse) si farà. Il Tar di Brescia ha infatti accolto il ricorso presentato da Padana Green, la società di proprietà Edilquattro che in quel di Vighizzolo, territorio di Montichiari, avrebbe in cantiere la realizzazione di un impianto di stoccaggio di oltre 1 milione di metri cubi di rifiuti. E tra questi, anche l'amianto.

Un complicatissimo iter giudiziario: ad impugnare la questione anche la Regione Lombardia, che avrebbe voluto interrompere il progetto in un territorio come Montichiari dove già si contano 11 milioni di metri cubi di rifiuti stoccati in oltre una decina di discariche.

Sembra che le istituzioni, Regione in testa, siano pronte a presentare ricorso al ricorso, questa volta appellandosi al Consiglio di Stato. Ma la strada, per ora, sembra già tracciata: l'impianto si può fare, lo ha deciso il Tar.

La nuova discarica dovrebbe sorgere in località Casalunga Levata, per contenere rifiuti speciali non pericolosi, e amianto. La Padana Green srl avrebbe contestato il cosiddetto “indice di pressione ambientale”, che di fatto stabilisce il “limite” di discariche per un territorio. Ma secondo l'azienda sarebbe stato introdotto solo dopo la richiesta depositata dalla società.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una discarica da 1 milione di metri cubi: e ci sarà pure l'amianto

BresciaToday è in caricamento