Cronaca

Fabbrica "invisibile" nel capannone abusivo: decine di operai al lavoro, denunciato il proprietario

Succede a Montichiari: per chissà quanti mesi un'azienda ungherese (specializzata nel commercio di metalli) ha lavorato in un capannone abusivo. Il blitz della Polizia Locale

Foto d'archivio

Una fabbrica abusiva in un capannone abusivo. Succede a Montichiari: in Via Mantova, sulla strada per Castiglione delle Stiviere, per chissà quanti mesi un'azienda ungherese (con sede a Budapest) ha commerciato e trattato metalli. Ma lo ha fatto in un capannone che risultava “invisibile” al catasto.

Almeno fino all'intervento della Polizia Locale: gli agenti all'interno hanno trovato una fabbrica in pieno regola, con tanto di cassoni, macchinari, perfino un'area parcheggio ben delimitata, appena fuori. Probabilmente ci hanno lavorato a decine, in questi mesi.

La ditta è di proprietà ungherese, specializzata nel commercio in genere ma in particolare di metalli. Il proprietario del capannone invece è un noto imprenditore di Montichiari: è stato denunciato per abuso edilizio, e l'edificio dovrà essere demolito.

Lo stesso imprenditore è già conosciuto perché nelle sue proprietà ha già offerto ospitalità a numerosi profughi, in tutto circa 300. Sul tema profughi, solo un paio di giorni fa e sempre a Montichiari, un imprenditore è stato beccato mentre li faceva lavorare (in nero) nel suo ristorante.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabbrica "invisibile" nel capannone abusivo: decine di operai al lavoro, denunciato il proprietario

BresciaToday è in caricamento