Minacce ai professori, brucia il registro e spaccia: arrestato 14enne

I Carabinieri di Montichiari hanno arrestato un giovanissimo spacciatore, di 14 anni, che già 'operava' in una scuola media della Bassa Bresciana. Negli ultimi mesi a capo di una baby gang: hanno pure bruciato il registro di classe

A 14 anni una fedina penale già compromessa. Il ‘capetto’ di una piccola gang di bulli, in una scuola media della Bassa Bresciana: lui, ripetente, i suoi ‘colleghi’ invece di appena 12 anni. Sei di loro sono stati denunciati, il 14enne è stato arrestato dai Carabinieri di Montichiari: ora è in custodia ai domiciliari.

Accuse di bullismo nei confronti dei compagni di scuola, ma perfino le minacce ai professori. La goccia che ha fatto traboccare il vaso, il terzo registro di classe rubato, in tre mesi. Per far sparire le note e i richiami, per dimostrare agli insegnanti chi comanda. Un registro che è stato addirittura bruciato, dato alle fiamme.

A parlare, dopo tante pressioni, compagni di classe e di scuola spesso rimasti zitti, per paura di ripercussioni. E i Carabinieri sono finalmente intervenuti, per riportare l’ordine in una scuola che rischiava di andare davvero fuori controllo.

Per il giovane ai domiciliari le cose si complicano, di nuovo: è accusato anche di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Avrebbe ‘arrotondato’ la paghetta spacciando marijuana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescava quintali di cocaina dall'oceano, poi li portava a Brescia per lo spaccio

  • Brutta sorpresa dopo lo shopping: auto sparite fuori dal centro commerciale

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • Le prime cinque aziende bresciane per fatturato

  • Schianto frontale nella notte: auto sventrata, morto un uomo

  • Incidente stradale in scooter, morta la 39enne Rachele Marino

Torna su
BresciaToday è in caricamento