rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca Montichiari

Sversamento illegale nella roggia: l'acqua si colora di rosso

L'allarme è partito ieri mattina da alcuni residenti della zona

Ieri mattina, alcuni residenti di Vighizzolo di Montichiari hanno notato un liquido di color rosso scorrere lungo la roggia. La segnalazione è arrivata intorno alle 8.30: immediatamente il primo cittadino Marco Togni ha contattato il direttore di Arpa e mobilitato le forze dell’ordine, che sono giunte sul posto per un sopralluogo.

La causa potrebbe essere un’attività agro-zootecnica svolta non correttamente: “Ho ricevuto la segnalazione da più persone tra cui Legambiente – informa il primo cittadino Togni –, subito ho contattato il direttore di Arpa Brescia, mentre Legambiente telefonava alla Protezione civile. Contestualmente ho avvisato il Consorzio di Bonifica Chiese”.

Ad essere controllati sono stati i corsi d’acqua, in particolare la roggia principale che esce dal Naviglio e attraversa le campagne di Castenedolo per poi arrivare a Vighizzolo e Montichiari. L’acqua nella roggia subito dopo l’uscita dal Naviglio era pulita.

“Ci siamo recati in via Albera Pina – spiega Togni – tra il territorio di Montichiari, Castenedolo e Calcinato dove abbiamo individuato il canale che poi arriva a Vighizzolo in cui scorreva l’acqua sporca. Ci siamo divisi in gruppi e mentre il nostro funzionario dell'ufficio Tecnico, l'ing. Daniele Bertoli, risaliva a piedi la campagna con il tecnico di ARPA, io e l’agente della polizia Locale Omar Pezzaioli (ognuno con le rispettive auto) ci siamo diretti più a nord per intercettare il canale a monte. Ho trovato acqua sporca che si immetteva in una seriola con acqua pulita”.

Continuando la ricerca tra strade di campagna alternative, il sindaco e la Locale hanno individuato la causa scatenante: “Siamo finalmente giunti in un tratto vicino ad una cascina dove il fossato era pieno di acqua sporca e nelle immediate vicinanze c’era una grossa vasca contenente reflui zootecnici di colore simile a quello contenuto della roggia”, continua Togni.

Le operazioni dei prelievi di Arpa sono durate tutto il pomeriggio, mentre sono state necessarie molte affinché lo sversamento venisse 'assorbito' dai corsi d'acqua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sversamento illegale nella roggia: l'acqua si colora di rosso

BresciaToday è in caricamento