Incidente a Darfo: 30enne alla guida accusato di omicidio colposo

Indagini in corso per l'incidente mortale di Montecchio di Darfo, domenica mattina: l'uomo alla guida sarebbe scappato e poi rintracciato dai Carabinieri. Si è rifiutato di sottoporsi al test alcolemico, è accusato di omicidio colposo

Una vicenda a tinte ancora più fosche a seguito delle prime indagini operate dai Carabinieri di Breno. Nella primissima mattina di domenica, poco più tardi delle 5, un’automobile è uscita di strada a Montecchio di Darfo, sulla strada che dal paese porta fino ad Esine.

L’uomo alla guida, un 30enne residente a Rogno, sarebbe rimasto ferito, ma senza gravi conseguenze; il passeggero al suo fianco, Alessio Ducoli, 41enne di Darfo, sarebbe invece morto sul colpo. Ma chi conduceva la vettura è ora accusato di omicidio colposo: avrebbe lasciato la macchina, una Volkswagen Golf, si sarebbe poi fatto ricoverare in ospedale.

A medici e infermieri avrebbe raccontato di essere stato picchiato: i Carabinieri lo hanno invece rintracciato, e lo hanno accompagnato in caserma, per essere interrogato. Ai militari ha raccontato che la vettura, intestata alla madre, gli sarebbe stata rubata proprio quella notte. Una versione che non convince gli inquirenti, passati al contrattacco con le accuse di cui sopra.

Oltre all’omicidio colposo risulta indagato a piede libero anche per omissione di soccorso; si sarebbe pure rifiutato di sottoporsi al test alcolemico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

Torna su
BresciaToday è in caricamento