Stupra una prostituta minacciandola con un cacciavite

Un cittadino pakistano ha violentato una prostituta rumena minacciandola con un cacciavite e le ha portato via cellulare e soldi. E' stato rintracciato dai carabinieri e accusato di violenza sessuale

Nella notte tra sabato e domenica sulla statale 11 a Mandolossa un cittadino pakistano di 30 anni ha stuprato una prostituta costringedola ad avere un rapporto sessuale con lei, puntandogli un cacciavite al collo.

Dopo la violenza ha abboandato la prostituta rumena di 30 anni sul ciglio della strada: la vittima ha fermato una pattuglia dei carabinieri e ha raccontato la violenza subito fornendo la targa della BMW dove era stata violentata.

Il pakistano è stato ben presto rintracciato e sono stati ritrovati in casa dell'uomo il cellulare della donna e i soldi rubati dopo lo stupro.

 

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento