Lunedì, 22 Luglio 2024
Cronaca

Mobbing spietato e dimissioni, la disperazione di una donna: ora sarà risarcita

La sentenza

Alto Garda. Il Giudice del Lavoro ha dato ragione a un'impiegata della "Codess Sociale – Società Cooperativa Sociale Onlus", che si occupa della gestione della struttura sanitaria di Villa San Pietro ad Arco, un centro residenziale di riabilitazione psichiatrica.

Con la sentenza, la cooperativa è stata condannata per dequalificazione professionale e per mobbing, e dovrà ora risarcire la propria lavoratrice difesa dalle avvocatesse Nadia Concer e Silvia Widmann.

Secondo quanto emerso, la lavoratrice avrebbe subito – a partire dal 1° giugno 2019 – un demansionamento poi culminato nella sottrazione di tutti gli incarichi di responsabilità e coordinamento; una situazione divenuta col tempo insostenibile, fino alle dimissioni della stessa il 27 settembre 2020.

Esulta il Sindacato di Base Multicategoriale, a cui è iscritta l'impiegata, che sottolinea l'importanza della sentenza poiché riconosce che il demansionamento e la dequalificazione di un lavoratore dipendente costituiscono a tutti gli effetti mobbing.

Fonte: Trentotoday.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobbing spietato e dimissioni, la disperazione di una donna: ora sarà risarcita
BresciaToday è in caricamento