Cronaca

Omicidio Serle, autopsia: ladro ucciso con uno sparo ravvicinato

Il foro sul corpo della vittima è di pochi centimetri, dunque compatibile con la versione di Mirko Franzoni, che ha raccontato ai giudici di un colpo esploso accidentalmente nel corso di una colluttazione

E' stato esploso da posizione ravvicinata il colpo di fucile che ha ucciso Eduard Ndoj, l'albanese di 26 anni ammazzato sabato sera a Serle perché sorpreso a rubare in un'abitazione del paese. Lo ha stabilito l'autopsia eseguita sul corpo della vittima.

Serle: scarcerato Mirko Franzoni

Il foro tra il petto e la spalla sinistra sarebbe di pochi centimetri, compatibile dunque con quanto raccontato da Mirko Franzoni, il 29enne arrestato con l'accusa di omicidio, che anche nell'interrogatorio di convalida dell'arresto, ha spiegato che non era sua intenzione uccidere e che il colpo di fucile sarebbe partito nel corso di un corpo a corpo tra lui e il ladro.

Il gip Paolo Mainardi ha convalidato l'arresto ma si è riservato di decidere sulla misura cautelare dopo che il legale di Franzoni, l'avvocato Gianfranco Abate, ha chiesto per il suo assistito gli arresti domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Serle, autopsia: ladro ucciso con uno sparo ravvicinato

BresciaToday è in caricamento