rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Milzano

Tampona un'auto e ruba un furgone, poi fugge: i carabinieri sparano

L'uomo, pregiudicato, è stato arrestato e portato in carcere

Prima il tamponamento, poi la fuga: i carabinieri di Verolanuova hanno arrestato un 41enne di Cremona che, dopo aver provocato un incidente stradale, ha rubato un furgone ed è scappato.

L'episodio è accaduto giovedì a Milzano, verso le 12.30. Il 41enne - già noto alle forze dell'ordine per i suoi precedenti - era a bordo della sua Audi A3 quando, durante una pericolosa inversione di marcia, ha tamponato un Fiat Doblò. A bordo del furgone un 50enne bresciano prontamente soccorso da un collega che viaggiava nella medesima direzione alla guida di un veicolo identico al suo. Il pregiudicato, avendo messo fuori uso la sua Audi, è sceso dall'auto ma anziché sincerarsi delle condizioni del 50enne è salito a bordo del Doblò del collega ed è scappato in direzione Pontevico.

Tenta di investirli, i carabinieri sparano

Immediata la chiamata alla centrale operativa: la pattuglia della Radiomobile e quella dei carabinieri di Pontevico si sono prontamente messe sulle tracce del fuggitivo. Una volta intercettato, l'uomo ha provato a seminare le forze dell'ordine effettuando alcuni zigzag, mettendo seriamente a rischio altri automobilisti. Persa la pazienza, i militari hanno deciso di superarlo e di tagliargli la strada, riuscendo finalmente a bloccarlo. Ma quest'ultimo non si è arreso: ha ingranato la retromarcia e ha cercato di investirli: un carabiniere è stato allora costretto a sparare un colpo di pistola, per fermare il furgone.

Arrestato e già trasferito in carcere

Una volta perquisito, il 41enne è stato trovato in possesso di una cartuccia da caccia e di un cacciavite nello stivale; alle forze dell'ordine avrebbe dichiarato che di essere scappato in quanto da poco gli era stata revocata la patente. L'uomo è stato arrestato con l'accusa di omissione di soccorso, fuga da sinistro stradale con feriti, furto aggravato, resistenza a pubblico ufficiale, possesso di cartucce non denunciate e porto di strumenti atti ad offendere in pubblico: il giudice ha disposto il carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tampona un'auto e ruba un furgone, poi fugge: i carabinieri sparano

BresciaToday è in caricamento