Cronaca

Uomo massacrato con sprangate e coltellate: arrestato a casa della moglie

Arrestato a Pontoglio il 40enne Miloudi Aboufaris, condannato nel 2019 per tentato omicidio: è stato presto dagli agenti della Squadra Mobile

Foto d'archivio

Condannato a 9 anni di carcere per tentato omicidio, e latitante ormai da mesi, il 40enne marocchino Miloudi Aboufaris è stato rintracciato e arrestato da Pontoglio: in questi giorni si stava nascondendo a casa della moglie. Il blitz, congiunto, è stato portato a termine grazie alla collaborazione tra la Squadra Mobile della Polizia di Stato di Messina (dove si era consumato il reato) e quella di Brescia.

Aboufaris era stato arrestato la prima volta nel maggio del 2004 a Furci Siculo, nel Messinese: in quell'occasione, insieme ad altri tre connazionali, aveva aggredito e colpito a sprangate un altro marocchino, il marito della donna incinta che era stata molestata e spintonata da un parente di Aboufaris solo qualche mese prima, nel novembre del 2003.

Botte, sprangate e coltellate: tentato omicidio

La giovane donna era stata vittima di pesanti avances, e al suo rifiuto era stata aggredita e gettata a terra, nonostante il suo stato interessante: il marito aveva denunciato l'accaduto e fatto arrestare l'aggressore, e per questo diventato l'obiettivo della successiva aggressione. Botte, sprangate e pure coltellate: i quattro erano stati arrestati con l'accusa di tentato omicidio.

Sono stati tutti condannati in terzo grado, in via definitiva, con pene che vanno dai 9 ai 14 anni di reclusione: tre di loro erano stati trasferiti in carcere ancora lo scorso anno, Aboufaris si era invece reso irreperibile. Dopo tanti mesi di latitanza, forse si è tradito: ha raggiunto la casa della moglie, a Pontoglio, e qui gli agenti lo hanno preso. Capitolo chiuso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uomo massacrato con sprangate e coltellate: arrestato a casa della moglie

BresciaToday è in caricamento