Cronaca

Operazione 'China blue': bande di cinesi in lotta anche a Brescia

Una decina di arresti da parte dei carabinieri di Milano, riguardanti soggetti appartenenti a bande di cinesi, in lotta tra loro per la supremazia territoriale anche a Brescia e Torino

Una decina di provvedimenti di cattura sono scattati questa mattina da parte dei carabinieri di Milano, nei confronti di soggetti cinesi ritenuti appartenenti a un'associazione a delinquere responsabile di numerosi reati.

L'inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, è la prosecuzione dell'operazione 'China blue', protrattasi per oltre tre anni nei confronti del fenomeno del banditismo giovanile cinese e che ha portato alla completa disarticolazione del gruppo criminale, dedito a gravi reati, tra cui numerosi episodi estorsivi e rapine ai danni di ristoratori, titolari negozi di parrucchiere e centri massaggi, all'interno dell'omonima comunità asiatica di Milano.

Con gli arresti di oggi si conclude l'indagine che, dal febbraio 2009, ha portato all'arresto di 99 persone e alla denuncia di altre 15. Gli investigatori hanno scoperto gli ultimi soggetti collegati alla faida che insanguinò la Chinatown di Milano per due anni, nell'ambito della lotta per la conquista del territorio da parte delle bande locali, di Brescia e di Torino.

A capo della gang milanese, che aveva struttura verticistica, c'era Jinshuang Hu, arrestato dai militari il 31 dicembre 2011. In totale sono oltre 50 le rapine e le estorsioni che vengono attribuite all'organizzazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione 'China blue': bande di cinesi in lotta anche a Brescia

BresciaToday è in caricamento