Gli "Sterminators": sgominata banda di bracconieri bresciani

Colti sul fatto tre cacciatori bresciani in trasferta, nelle campagne milanesi: con loro richiami illegali e munizioni non denunciati. Da molti mesi agivano in zona, sono stati denunciati per abbattimento di specie protette

Sono stati colti sul fatto e dunque denunciati i tre bracconieri bresciani che da tempo erano diventati il terrore di ogni volatine: in azione nelle campagne milanesi, sono stati ‘beccati’ dalle guardie del WWF proprio in flagranza di reato, in località Cascina Bergamina nel Comune di Bareggio.

L’ennesima segnalazione è arrivata da parte di un agricoltore della zona: i volontari del WWF, accompagnati dalla Polizia Provinciale, a seguito di un lungo appostamento sono riusciti a fermare i tre cacciatori bresciani, accusati ora di “abbattimento di specie protette, utilizzo di mezzi di caccia vietati, detenzione di munizioni non denunciate”.

Organizzati come un corpo militare, e per questo soprannominati da un agricoltore di Bareggio gli "Sterminators", da mesi si aggiravano nelle campagne per fare ‘man bassa’ di volatili, anche specie protette o a rischio. Quasi a rotazione, due di loro cacciavano, un altro si appostava in zone isolate e col binocolo sugli occhi avvisava i ‘colleghi’ quando la battuta di caccia poteva essere messa in discussione dall’arrivo di un controllo, o di una guardia in divisa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento