menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Montichiari: il ragazzo ucciso con un colpo di pistola alla testa

Michele Peroni, 27 anni, è stato trovato morto all'interno della Fassa Bortolo. Causa del decesso: un colpo di pistola alla testa, trovata dagli inquirenti avvolta nel cellophane

Michele Peroni, 27 anni, residente a Ghedi, è stato trovato morto stamani attorno alle 4.30 all'interno della fabbrica Fassa Bortolo in via Leonino Da Zara a Montichiari, nei pressi di un altoforno, con delle ferite al capo e un sacchetto di cellophane in testa, infilato nel tentativo - molto probabilmente - di arginare l'uscita del sangue e sporcare il meno possibile.

DOPO GLI STUB, SILENZIO DEGLI INQUIRENTI: SI ATTENDE L'ANALISI RIS SULLA PISTOLA
RISULTATI ANALISI DEL RIS DI PARMA

IL GIORNO DEL FUNERALE

L'assassino ha anche spostato il corpo, trascinandolo al terzo piano di un forno per fare la calce, forse con l'intenzione di gettarlo tra i sassi in cottura a mille gradi e far sparire ogni prova. Michele Peroni è stato trovato dal collega che divideva con lui il turno di notte, un 45enne di Castelmella, sposato con figli. Ha iniziato a cercarlo preoccupato per il perdurare insolito dell'assenza. Lo ha trovato al terzo piano, supino, poco distante dalla bocca del forno.

LEGGI LE ULTIME RICOSTRUZIONI SVOLTE DALLE INDAGINI
LEGGI I RISULTATI DELL'AUTOPSIA

 C'era sangue dappertutto, la testa di Michele un ammasso informe rossastro. Ha chiamato subito il 118, credendo si trattasse di un incidente di lavoro. Si Sbagliava. Ora la scena del crimine è stata sigillata. Sul posto è arrivato anche il comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Marco Turchi.

I carabinieri di Desenzano e quelli del nucleo investigativo provinciale e la sezione investigazioni scientifiche sono rimasti sul posto quasi fino all'alba per repertare tutti i rilievi necessari a capire come siano andate le cose. Secondo quanto appreso ieri sono stati sentiti i colleghi della vittima, 25 persone, che lo descriverebbero tutti come un 'bravo ragazzo'. Lo stesso vale per il collega che l'ha trovato e che ha dato l'allarme al 118 credendo si trattasse di un infortunio sul lavoro. Oggi alcuni di loro dovrebbero essere risentiti.  Nessuna ipotesi viene scartata compresa quella alla base della quale ci sarebbe un errore di persona.

MERCOLEDI' 17 AGOSTO: ATTESA PER I RISULTATI DELL'AUTOPSIA

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento